Insegnare il rispetto delle regole.

Share

Quest’anno i bambini della mia seconda si sono presentati fin da subito molto irrequieti e poco inclini a rispettare le regole del vivere comune a scuola. Ancora oggi, dopo poco meno di due mesi di scuola, faticano a usare le “buone maniere”, sia nei confronti dei compagni, sia – talvolta – nei confronti delle insegnanti (“maestra voglio un foglio.”).

Abbiamo lavorato, durante i primi giorni di scuola, ad un’attività su le parole per stare insieme (che tutt’ora portiamo avanti in italiano: ad ogni nuova lettera dell’alfabeto che viene presentata in corsivo maiuscolo è associata una filastrocca su cui riflettere); abbiamo realizzato il “cartellone degli smiles”, per favorire, nell’ottica della “token economy“, i buoni comportamenti. Abbiamo condotto discussioni sulle regole, sia a grande gruppo, sia a piccolo gruppo. Abbiamo realizzato il cartellone con le 5 regole fondamentali da rispettare in classe.

Di sforzi ne abbiamo fatti, ma i risultati tardano ad arrivare. Una collega mi ha suggerito di mostrare video didattici in cui si possono osservare comportamenti giusti e sbagliati. Ho cercato in lungo e in largo nel web, ma non ne ho trovati.
Allora, l’altro ieri ho avuto una idea: ho fatto un video ai bambini, senza farmi vedere, durante alcuni momenti liberi (ricreazione) e durante un cambio aula. Prima di questo video verbalmente i bambini sono stati richiamati all’ordine (come sempre!).

Successivamente, durante il momento finale della lezione, ho mostrato i filmati (con loro grande sorpresa e divertimento!) e ho chiesto loro di analizzarli. Passato l’entusiasmo iniziale (in cui i bambini ridevano di loro stessi, non aspettandosi di vedersi sulla lavagna LIM!), tutti sono stati perfettamente in grado di distinguere comportamenti corretti da quelli sbagliati e anche, nella maggior parte dei casi, di spiegare perché si tratta di comportamenti da non mettere più in atto.

Dunque il problema non è più capire cosa è giusto e cosa è sbagliato (nella maggior parte dei casi), ma saper controllarsi!

Gli esempi negativi non mancano nei video, sono stati tutti analizzati. Ripeterò l’esperimento altre volte, sempre a sorpresa e cercando di non farmi vedere (la macchina fotografica non è più un oggetto “nuovo” per la classe, perché spesso fotografo i loro lavori o pagine del libro per ingrandirle alla LIM). Spero che questo “gioco” li aiuti ad autocontrollarsi meglio e a ripetere più spesso i buoni comportamenti, anziché lasciarsi andare ad azioni incontrollate e impulsive.

Spero che arrivino presto dei risultati apprezzabili!!

Ti è piaciuto questo articolo? Hai una domanda? Lascia un commento e/o iscriviti alla newsletter! Wink

Share
Precedente Terza lezione del prof. Roberto Medeghini sui BES (11.10.13) Successivo Didattica differenziata per gruppi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.