Accoglienza: il tema della valigia

Share

Diversi anni fa scrissi un articolo con tanti spunti per organizzare l’accoglienza dei bambini in classe prima (scuola primaria).

Oggi voglio proporre un nuovo tema, quello del “viaggio”, carico di possibili collegamenti e facile da ampliare a proprio piacere.

Il viaggio, infatti, non solo sarà quello estivo che possono raccontarci i bambini in rientro a scuola; ma anche, e soprattutto, il viaggio a scuola, da un grado scolastico all’altro (dal nido alla scuola dell’infanzia, alla scuola primaria…).

Inoltre, il viaggio parte dalla famiglia, dalla nascita (→classe seconda, vd. reperti della storia personale) fino al presente.

Allora, come si può integrare tutto questo nella accoglienza?!


Proposta di attività

 

  1. Sediamo in cerchio e chiediamo ai bambini di raccontarci i loro viaggi (in generale, un viaggio che ricordano con piacere, una gita..). Riflettiamo sul fatto che, spesso, quando si visita un posto nuovo, si porta con sé un ricordino (una conchiglia, una cartolina, la foglia da seccare…). Disegniamo alla lavagna gli oggetti (occupando un quarto dello spazio) mentre i bambini li elencano, poi racchiudiamoli in un cerchio.
  2. Ampliamo il discorso nel tempo, chiedendo ai bambini se ricordano un oggetto a cui tenevano particolarmente quando erano più piccoli (un pupazzetto, una coperta…). Disegniamo anche questi oggetti (in un altro quarto della lavagna) e, allo stesso modo, racchiudiamoli in un altro cerchio.
  3. Ora torniamo al presente e domandiamo se c’è qualcosa o qualcuno a cui sono particolarmente legati in questo momento (un braccialetto, ma anche un animale o una persona). Disegniamo nel terzo spazio della lavagna.
  4. L’ultimo spazio della lavagna è riservato al futuro: nel corso dell’anno scolastico faremo un viaggio insieme, impareremo tante cose, rideremo, ci arrabbieremo, cresceremo! Al termine della scuola saremo tutti arricchiti e metteremo in valigia qualcosa di nuovo, che porteremo con noi per i prossimi viaggi!

All’opera!

Diamo un foglio diviso in quattro parti (utilizziamo metà A4 per ciascun bambino, piegato in quattro). In ciascuno spazio i bambini disegneranno:

  1. un oggetto di un viaggio recente
  2. un oggetto dell’infanzia
  3. un oggetto/un affetto del presente
  4. — l’ultimo lo lasciamo bianco —

Ecco la nostra valigia!

⇒QUI⇐ potete trovare una semplicissima valigia stilizzata, da stampare su un cartoncino A4 colorato. I bambini la ritaglieranno, piegheranno i lati e incolleranno le linguette laterali, poi inseriranno all’interno i vari disegni fatti nell’attività precedente (anch’essi ritagliati). Il lato superiore rimarrà aperto.

Chiediamo ora di personalizzare esternamente la propria valigia, con uno o più disegni (l’ideale sarebbe che ciascun bambino disegnasse se stesso su un lato della valigia, così noi potremo scrivere il nome dall’altro lato).

Ritagliamo il foro della maniglia, inseriamo tutte le valigie in uno spago e appendiamolo da un lato all’altro della classe. Possiamo arricchire le valigie durante il corso dell’anno, sfruttando eventi importanti della scuola o dei singoli bambini.

Ti è piaciuto questo articolo? Hai una domanda? Lascia un commento e/o iscriviti alla newsletter! Wink

Share
Precedente Storia di Iqbal: riflessioni della 2^C - IC "IV Novembre" di Mariano Comense Successivo Rai radio kids, un'estate in compagnia!

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.