The Very Hungry Caterpillar: tavole per kamishibai

In questo articolo troverete tutto il materiale per costruire la storia “The very hungry caterpillar” (Il piccolissimo bruco maisazio) per la lettura al kamishibai.

Ritorno in attività!

Ciao a tutti,

ritorno a scrivere, dopo un lungo periodo di assenza, con le tavole per kamishibai del libro più famoso di Eric Carle: The Very Hungry Caterpillar (Il piccolissimo bruco Maisazio) 🙂

Per chi non si ricordasse, io sono Silvia, sono un’insegnante di scuola primaria e questo è il mio blog personale. Qui carico materiali che ho prodotto io o che ho modificato e adattato alle mie esigenze. In passato, ho pubblicato anche materiali per genitori o per scuola dell’infanzia.

Da oggi condividerò con voi alcuni dei miei lavori, a partire da quelli dell’ultimo anno scolastico, appena concluso. In questo anno mi sono dedicata esclusivamente all’inglese, ho generato diverse prove di valutazione (articolate anche per DSA e BES, comprese di rubric) e anche numerose tavole per kamishibai.

Inizio con una serie di tavole per kamishibai tratte da un famosissimo testo di Eric Carle. Queste immagini si possono stampare in A3 (se avete una stampante che supporta il formato), oppure, semplicemente, in due fogli A4 verticali, da incollare su un foglio grande A3.

Ricordo che il titolo del libro che si legge va scritto sul retro dell’ultima tavola. In questo modo si legge il titolo mentre i bambini osservano la copertina. Poi, la copertina si sfila e si appoggia sul retro del kamishibai, per leggere la frase riportata sul retro, che si riferirà alla prima immagine della storia. E così via, le frasi sono scritte sempre sul retro della tavola che precede l’immagine a cui si riferiscono. Spero di essere stata chiara 🙂

Alcune foto delle mie tavole

Per chiarire i concetti, inserisco alcune foto commentate, in cui mostro le tavole che ho realizzato per questa storia.

Immagini da stampare

Ecco i disegni da stampare per realizzare le tavole. Il testo io l’ho scritto a mano, dietro ai fogli, ma per chi volesse, è possibile anche stamparlo e incollare le frasi dietro alle tavole. Riporto sotto il testo, sia in inglese, sia in italiano.

Testo della storia

English version

In the light of the moon a little egg lays on a leaf.
One Sunday morning the warm sun comes up and – pop! – out of the egg comes a tiny and very hungry caterpillar.
He starts to look for some food.
On Monday he eats one apple, but he is still hungry.
On Tuesday he eats two pears, but he is still hungry.
On Wednesday he eats three plums, but he is still hungry.
On Thursday he eats four strawberries, but he is still hungry.
On Friday he eats five oranges, but he is still hungry.
On Saturday he eats one piece of chocolate cake, one ice cream, one pickle, one slice of cheese, one slice of salami, one lollipop, one piece of cherry pie, one sausage,one cupcake, and one slice of watermelon.
That night he has stomachache!
On Sunday the caterpillar eats one nice green leaf, and he feels much better.
Now he isn’t hungry and he isn’t a little caterpillar. He is a big fat caterpillar.
He builds a small house, called a cocoon.
He stays in the cocoon more than two weeks.
Then he comes out and…he is a beautiful butterfly!

Versione italiana

Una notte, su una foglia illuminata dalla luna, c’era un piccolo uovo.
Ma una Domenica mattina, quando si levò il sole, caldo e splendente, dall’uovo “Crac!” uscì un piccolo
bruco affamato.
Subito si mise in cammino alla ricerca di cibo.
Lunedì mangiò una mela, ma non riuscì a saziarsi.
Martedì mangiò due pere, ma non riuscì a saziarsi.
Mercoledì mangiò tre prugne, ma non riuscì a saziarsi.
Giovedì mangiò quattro fragole, ma non riuscì a saziarsi.
Venerdì mangiò cinque arance, ma non riuscì a saziarsi.
Sabato mangiò un dolce al cioccolato, un gelato, un cetriolo, un pezzo di formaggio, una fetta di salame, un lecca-lecca, una fetta di crostata alle ciliegie, una salsiccia, un cupcake, una fetta di anguria.
Alla sera aveva il mal di pancia!
Il giorno dopo era di nuovo Domenica. E il bruco si mise a mangiare una bella foglia verde. Si sentì subito meglio.
Ora non era più affamato e non era più piccolo. Era un bruco grande e
cicciottello.
Costruì una piccola casa, chiamata bozzolo.
Rimase nel bozzolo per più di due settimane.
Poi uscì e…era diventato una meravigliosa farfalla!



Seguimi:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.