Crea sito

Accento: quando si usa? Spiegazione, esercizi e giochi per bambini

Share

2. Un po’ di teoria…

In ogni parola c’è una sillaba che è pronunciata con maggiore intensità delle altre: è la sillaba che porta l’accento (accento tonico), anche se questo non viene materialmente scritto. Le altre sillabe sono pronunciate con minore forza e sono dette àtone.

In italiano, nelle parole costituite da più sillabe, l’accento tonico può cadere:

  1. Sull’ultima sillaba (parole tronche): però, caffè, andò ecc.
  2. Sulla penultima sillaba (parole piane)can-zó-ne, mat-tì-na, fà-ro ecc.
  3. Sulla terzultima sillaba(parole sdrucciole)cò-mi-co, cò-sto-la, pén-to-laecc.
  4. Sulla quartultima sillaba (parole bisdrucciole): mià-go-la-no, pòr-ta-me-lo, gì-ra-glie-lo ecc.
  5. Molto raramente sulla quintultima (parole trisdrucciole): òr-di-na-me-lo, rè-ci-ta-me-la ecc.

Dal punto di vista quantitativo le parole italiane sono prevalentemente tronche, piane e sdrucciole: le parole bisdrucciole e trisdrucciole sono marginali, le parole quadrisdrucciole rare. (treccani.it)

Se la parola è monosillaba, l’accento cade ovviamente su questa, che sia scritto, o meno: più, re, là, su.

Ciò che trae più spesso in inganno è l’ultima precisazione fatta da La Crusca: le sillabe che hanno un corrispettivo non accentato. Per togliersi d’impaccio è utile memorizzare bene le frasi citate come esempio e fare tanti esercizi.

← Torna alla home • Vai alla pagina successiva →


Ti è piaciuto questo articolo? Hai una domanda? Lascia un commento e/o iscriviti alla newsletter! Wink

Share

Pubblicato da Maestra Silvia

Blog personale di maestra Silvia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il blog di maestra Silvia è stato realizzato da Salvatore Noschese - L'AltroWeb | Accedi 🔒